Nel cuore dell’America, venerdì 4 novembre incontro con Riro Maniscalco

166019_10151390624716822_710129779_n1
Maurizio “Riro” Maniscalco è in Italia in queste settimane per presentare il suo libro “God Bless America” (SEF, 2016). Il libro è una raccolta di articoli, pensieri e riflessioni di 22 anni di vita americana pubblicati sul giornale on line “IlSussidiario.net” da parte di un acuto osservatore che legge tutto partendo dalla sua esperienza personale, l’esperienza di un immigrato che con la sua famiglia vuole farsi americano con gli americani “vagliando tutto” e trattenendo il valore di ciò che nel tempo è andato scoprendo.

La testimonianza di Riro, a pochi giorni dalle più insolite e anche preoccupanti elezioni presidenziali Usa, è una grande occasione di riflessione sull’attuale momento storico insieme ad un testimone d’eccezione che ha scelto di vivere e raccontare l’America.

161104-god-bless-america-page-001L’Associazione culturale Rosmini è lieta di presentare

NEL CUORE DELL’AMERICA

venerdì 4 novembre 2016, ore 21.00

Centro universitario padovano

via Zabarella, 82 – Padova

 

Alla vigilia delle Presidenziali Usa, incontro con

Maurizio MANISCALCO

Autore di “God Bless America

Società Editrice Fiorentina

 

info@rosminipadova.it

 

Musicista e giornalista, Maurizio Riro Maniscalco dirige una scuola di American English a New York City. “Finto musicista” (cantante, polistrumentista, un amore infinito per il blues), ha inciso tre albums con la Bay Ridge Band e due con Jonathan Fields («Blues and Mercy», 2006, e «Sketches of You», 2010 – Itaca Dischi). Giornalista a tempo perso, è anche “finto scrittore”. Per la Società Editrice Fiorentina ha pubblicato «Mi mancano solo le Hawaii. Appunti di vita e di viaggio di un italiano trapiantato in America» (2008), «Dal Ponte all’Infinito. The Way of the Cross over the Brooklyn Bridge» (2009) e «Musica, parole e storie. Ovvero: come si diventa un vero finto musicista» (2011). Per Itaca ha collaborato alla realizzazione di tre volumi della collana «Educare con la Musica». L’autore nel web: Blues and Mercy. È Chairman del New York Encounter (www.newyorkencounter.org), un grande evento culturale che si svolge ogni anno in gennaio a Manhattan.

Il libro

Nessuno ha più voglia o sa raccontarci l’America quotidiana, quella dal basso che esiste ancora al di là delle facili etichettature: i pochi grandi inviati rimasti ci parlano più che altro di Wall Street, Capitol Hill e Casa Bianca. L’America degli immigrati messicani e sudamericani che vogliono fare fortuna, l’America del profondo Sud e dei telepredicatori, l’America delle periferie delle grandi metropoli sulle coste e il Mid West, il granaio d’America che oggi vede scomparire le famiglie di contadini su cui si è costruito questo paese, con le loro torte di mele e il “fried chicken”, il pollo fritto. L’America delle profonde esperienze religiose e quella degli immensi college dove si concentra la vita giovanile.

Per sentire parlare di questo mondo affascinante e contraddittorio ci affidiamo allora a “inviati speciali” come Riro Maniscalco che a un certo punto della sua vita lascia l’Italia e si trasferisce qui (…) e grazie alla sua curiosità profonda si immerge completamente in questo “nuovo mondo”.

(…) E se si comincia a leggere il primo racconto c’è il rischio di non interrompere la lettura e di leggerlo di un fiato fino alla fine.

(dalla Prefazione di Giorgio Vittadini)

 

Quattro dei miei ventidue anni di vita in America. Sì, quello che è raccolto in questo libro è il racconto fatto ad amici cari, lettori sconosciuti e anzitutto a me stesso di quel che mi son visto capitare attorno in questi ultimi anni. E di quel che sono riuscito a capirci!

Della mia scoperta dell’America avevo già scritto. Qui troverete quello che la mia vita da americano mi è andata proponendo quotidianamente: cose belle, cose brutte, cose strane, a volte drammatiche. Cose accadute: quattro anni di vita, con tutti gli scossoni, pensieri, ripensamenti e un continuo paragone col mio cuore. Un cuore e due patrie!

(Riro Maniscalco)

Scritto da

Per favore commenta usando il tuo nome reale e con buone maniere.

Lascia un commento