“Può il profitto generare ricchezza senza un welfare familiare?” - Ven 29 Mar ore 18:00 in DIEFFE.

La Rosmini promuove il convegno al titolo: “Può il profitto generare ricchezza senza un welfare familiare?” Imprenditori e Istituzioni a confronto sul modello Veneto che si terrà Venerdì 29 Marzo alle 18:00 presso l’Aula Magna della sede DIEFFE di Noventa Padovana, in via Risorgimento, 29.

Il convegno si propone di analizzare il rapporto strettissimo tra impresa, famiglia e welfare studiando, approfondendo e raccontando dinamiche ed esperienze capaci di coniugare il coinvolgimento crescente di attori pubblici, privati e del terzo settore. Questo significa rispondere alle esigenze di cittadini, organizzazioni e istituzioni che a vario titolo si interessano ai cambiamenti in atto nel campo del welfare. Sempre più spesso, infatti, in Veneto e in Italia nascono e si sviluppano programmi di welfare e investimenti sociali a finanziamento non pubblico che si aggiungono ed intrecciano al welfare pubblico, integrandosi in termini di copertura e tipologia di servizi.

Queste esperienze chiamate di “secondo welfare” coinvolgono attori economici e sociali - quali imprese, sindacati, enti locali, organizzazioni del terzo settore – sono capaci di affiancarsi al primo welfare, di natura pubblica e obbligatoria, che negli ultimi anni si è trovato talora in difficoltà nel rispondere ai crescenti rischi e bisogni sociali dei cittadini.

Il convegno mira a promuovere e far conoscere alcune esperienze di valorizzazione del welfare all’interno delle imprese del territorio, in particolare nella tutela familiare e agevolare la diffusione di quelle best practices che possano favorire il dibattito e la condivisione di quelle esperienze che, oggi più che mai, risultano cruciali al fine di conciliare la spesa pubblica con la tutela dei servizi rivolti alla famiglia.

La partecipazione è grautità ma si richiede la prenotazione al seguente link.

 


"LA ROSA BIANCA – VOLTI DI UN'AMICIZIA": ciclo di eventi dal 27 Marzo al 7 Aprile

L’Associazione Rosmini e Ateneo Studenti stanno organizzando un ciclo di eventi su “La Rosa Bianca – Volti di un’amicizia” che racconteranno la storia di un gruppo di amici, per lo più studenti, che iniziano un’opposizione non violenta al regime nazista scrivendo e diffondendo clandestinamente volantini, con l’intento di risvegliare il popolo tedesco dall’indifferenza. Si firmano “La Rosa Bianca”. Sei di loro pagheranno questa iniziativa con la vita.

 

Vogliamo scoprire Chi sono questi giovani? Perché rischiano la vita? Cosa li unisce? Da dove nasce il loro coraggio? Ti aspettiamo e ti chiediamo di poter promuovere l’iniziativa tra i tuoi amici, parenti e colleghi. Scarica la Locandina eventi - La Rosa Bianca.

 

Gli eventi dell'iniziativa sono i seguenti

  1. Il 27 Marzo alle ore 20.30 presso il teatro Ruzante in riviera dei ponti romani sarà proiettato il film “La Rosa Bianca”,  Regia di M. Rothemund, come introduzione alla mostra.
  2. Dal 01 al 07 Aprile sarà allestita la mostra dal titolo “La Rosa Bianca – Volti di un’amicizia” presso il Centro Universitario in via Zabarella 82. E’ possibile la prenotazione di visite guidate gratuite per gruppi o classi sul sito www.rosminipadova.it.
  3. Il 04 aprile alle h 18,30 presso l’aula E di Palazzo Bo sarà realizzato un incontro sulla mostra con il Prof. Franz Reimer, curatore della mostra e docente universitario, ed il dott. Umberto Lodovici, Ricercatore dell’Università di Monaco.

 

Per maggiori informazioni è possibile contattare Emanuele Pigani (+39 334.1150305) o scrivere all'indirizzo email info@rosminipadova.it.


Cineforum "Sotto lo stesso cielo”

La Rosmini e Ateneo Studenti stanno organizzando l'evento “Sotto lo Stesso Cielo"!

Questo è il titolo che Avsi ha proposto per la campagna tende 2019, ed è il tema di un cineforum che abbiamo deciso di proporre a sostegno dei progetti di quest’anno.

L’iniziativa tenta di indagare la questione del rapporto con l’altro ponendosi la domanda “Cosa permette di stare di fronte all’altro riconoscendo di essere accomunati da uno stesso destino, da uno stesso cielo appunto, senza, tuttavia, pretendere che l’altro diventi più simile a me?”. La domanda si rivolge evidentemente a qualsiasi aspetto della vita: l’altro, infatti, non è solo chi viene da lontano, ma anche il vicino, quello apparentemente più simile a me.

I tre film scelti  mettono a tema tre diverse situazioni in cui emerge cosa il rapporto con l’altro è in grado di generare: la relazione affettiva, il tema dello straniero, e la questione della malattia.

Il cineforum prevede tre serate, ad introdurre ciascun film saranno persone le cui esperienze testimoniano la possibilità di un reale rapporto con l’altro: una insegnante tutor di un istituto professionale di Padova, un prete di Firenze vice-presidente di una Scuola di studi interreligiosi, e un volontario di una casa d’accoglienza.


Fondi 2xMille ricevuti dalla Rosmini

Si comunica che l’Associazione Antonio Rosmini nell’anno 2018, ai sensi e per gli effetti della legge n. 124 del 4 agosto 2017, ha ricevuto euro 29.418,50 a titolo di contributo del due per mille del gettito Irpef (anno fiscale 2016; legge 28 dicembre 2015, n. 208).

Il presidente A. Pin


Chi sono i Red Line

I RedLine sono composti per la maggior parte da studenti, insegnanti e docenti universitari che uniscono la passione per la musica alla ricerca di un repertorio trasversale ai stili e continenti.

RedLine è la linea rossa che unisce l’uomo al Mistero; inoltre, è la passione che li unisce e li fa iniziare a preparare il concerto di Natale fin dai primi mesi dell’anno con la ricerca dei brani e poi con le prove. Vogliono proporre una cosa bella per tutti, dare voce alla bellezza sia il modo migliore per dare il nostro contributo alla costruzione del bene comune nella difficile situazione che la nostra città ed il nostro paese stanno passando.

Il tutto nella consapevolezza che "nessuna espressione dei sentimenti umani è più grande della musica" (cit. Don L. Giussani)

Visita il sito dei RedLine cliccando qui!


CONCERTO DI NATALE 2018 - Ven 21 Dic ore 21:00 presso Auditorium Pollini di Padova

Concerto di Natale 2018 - Venerdì 21 Dicembre ore 21:00 presso l'Auditorium POLLINI, Via Carlo Cassan 17, Padova.
La Rosmini, quest'anno, aiuta i RedLine nell'organizzare il concerto di natale che parte dalla seguente domanda: "Qual è il desiderio di bellezza e di infinito che abita il cuore dell'uomo, e qual è la risposta a questo desiderio che si attua nell'evento del Natale?". Si vuole proporre una cosa bella per tutti, dare voce alla bellezza sia il modo migliore per dare il nostro contributo alla costruzione del bene comune nella difficile situazione che la nostra città ed il nostro paese stanno passando.
Per maggiori info sulle prenotazioni visita il sito dei RedLine cliccando qui!

I MISERABILI: LA GRANDEZZA DELL’UMANO - Lun 26 Nov ore 21:00 al Teatro Ruzante di Padova

La Rosmini e gli universitari di Ateneo Studenti organizzano un incontro dal titolo I Miserabili: La grandezza dell’umano con Luca Doninelli e Alfredo Viggiano che si terrà a Padova, 26 novembre 2018, h. 21,00 presso il Teatro Ruzante.

Il capolavoro di Hugo (1802-1885) non smette di stupire, a oltre un secolo e mezzo dalla sua pubblicazione. Non rimane solo una pietra miliare della letteratura: è anche un best seller tra i classici, un fortunatissimo musical, un film di successo, ed ora una pièce teatrale che sta girando il mondo. Qual è il tesoro racchiuso in quel lungo volume?

Ne parleremo con Luca Doninelli, scrittore (premio Selezione Campiello, premio Città di Catanzaro, Premio Napoli, premio Supergrinzane Cavour) e autore della riduzione teatrale., e il prof. Alfredo Viggiano, docente di Giustizia e potere nell’Europa moderna.

In alcune interviste rilasciate in merito al suo lavoro sul testo di Hugo, Doninelli lascia già intuire cosa si nasconda dietro la copertina di un volume che non sembra ingiallire con il tempo:“Quella di portare I Miserabili sulle tavole di un teatro di prosa è un’impresa temeraria, una sfida per chiunque sia disposto a sopportare un grande insuccesso piuttosto che un successo mediocre. Millecinquecento pagine che appartengono alla storia non solo della letteratura, ma del genere umano. Come l’Odissea, come la Commedia, il Chisciotte o Guerra e Pace.”

L’Associazione Antonio Rosmini, in collaborazion econ Ateneo Studenti, vuole offrire alla città l’occasione di riflettere, confrontarsi e stupirsi ancora di fronte alle figure monumentali di Jean Valjean, del Vescovo Myriel, di Cosette e Marius. L’incontro con l’autore della riduzione teatrale è dunque una formidabile opportunità per riflettere sulla grandezza e sulla contemporaneità di una tale opera. In un’epoca frammentata e piena di risentimento come attuale, Hugo restituisce infatti la prospettiva di un riscatto personale, di una riconciliazione attraverso il sacrificio, della scoperta della grandezza di ciascuno e del valore della libertà.


Cos'è il Centro Sociale Edimar di Yaoundé?

Nella città di Yaoundé, nel sud del Camerun, il problema dei ragazzi di strada è molto diffuso: si stima che siano diverse migliaia. All’origine di questo fenomeno, comune alle maggiori città dell’Africa sub-sahariana, vi è l’emigrazione dalle campagne verso i centri urbani. Si tratta soprattutto di ragazzi (tra i 10 e i 20 anni) che fuggono da situazioni famigliari difficili e si riversano in città in cerca di una vita migliore. Ma non trovando quasi mai un’occupazione a causa della loro scarsa istruzione, questi giovani non riescono a inserirsi nella società e si ritrovano a vivere in povertà nelle strade.

Il Centro Sociale Edimar, operativo dal 2002 nel centro della città di Yaoundé, accoglie ogni giorno molti giovani in difficoltà.

Lo scopo del progetto educativo e formativo del Centro Sociale Edimar è accogliere, ascoltare e orientare i ragazzi di strada e i giovani detenuti tornati in libertà affinché abbandonino la violenza e il consumo di droga e si reinseriscano nella società e nella famiglia di provenienza.


Chi è Mireille YOGA?

Mireille YOGA è un’educatrice al Centro Sociale Edimar di Yaoundé, Camerun. Il centro sociale è nato più di venticinque anni fa per iniziativa di padre Ive, dei piccoli fratelli di Charles de Foucauld, e padre Maurizio del PIME. Il centro è una struttura di accoglienza diurna per circa 120 ragazzi di strada, che non hanno o hanno abbandonato qualsiasi percorso formativo o lavorativo. Attraverso l’assistenza sanitaria e la proposta educativa il centro offre una possibilità di incontro e di accoglienza a ragazzi emarginati, poveri e, spesso, coinvolti in bande criminali. Da questa accoglienza nel tempo sono nate spesso nuove e inattese opportunità per i ragazzi, per la loro formazione e per le loro prospettive di vita.

Mireille YOGA, nasce il 17 novembre 1974 a Yaoundé in Cameroun e lavora con Padre Maurizio Bezzi al Centro Sociale Edimar dal 2002. Nel 1996 ottiene la maturità in contabilità di gestione; continua poi gli studi all’università Cattolica dell’Africa Centrale (Campus d’Ekounou-Yaoundé) dove ottiene la Laurea in Tecnologia (DUT). Nel 1997 entra a far parte di Comunione e Liberazione. Il 14 agosto 1999 si sposa con Victorien (professore di liceo) e ad oggi non hanno figli. Nell’ottobre 2001 finisce l’Università, raggiunge suo marito a Ebolowa, una località a circa 170 km da Yaoundé e comincia a cercare un lavoro. Padre Maurizio Bezzi le chiede se vuole occuparsi dei bambini di strada al Centro sociale Edimar. Il Centro verrà inaugurato nel Febbraio 2002. Nel 2009fa un tirocinio di un mese e mezzo con Mario Dupuis presso il Centro Sociale Edimar di Padova ed ivi tornerà nel 2004 per tre settimane. Nel giugno 2005 partecipa a un seminario organizzato da PAU Education (Unesco) su «i Bambini della strada e AIDS» in Nigeria.

 


Incontro testimonianza con Mireille Yoga - Dom 2 Sett ore 16:30 - Scuole Romano Bruni

La comunità di Comunione e Liberazione di Padova e l'associazione culturale Rosmini di Padova stanno organizzando l'incontro testimonianza con Mireille Yoga il giorno Domenica 2 Settembre, alle ore 16.30, presso l’auditorium del Polo Educativo Scuole Romano Bruni, Via Fiorazzo 5, Ponte di Brenta (Padova).

Mireille Yoga è un’educatrice al Centro Sociale Edimar di Yaoundé, Camerun. Il centro sociale è nato più di venticinque anni fa per iniziativa di padre Ive, dei piccoli fratelli di Charles de Foucauld, e padre Maurizio del PIME. Il centro è una struttura di accoglienza diurna per circa 120 ragazzi di strada, che non hanno o hanno abbandonato qualsiasi percorso formativo o lavorativo. Attraverso l’assistenza sanitaria e la proposta educativa il centro offre una possibilità di incontro e di accoglienza a ragazzi emarginati, poveri e, spesso, coinvolti in bande criminali. Da questa accoglienza nel tempo sono nate spesso nuove e inattese opportunità per i ragazzi, per la loro formazione e per le loro prospettive di vita.

Mireille da poco è diventata la legale rappresentante e responsabile del centro: non è frequente in Africa che una donna assuma un ruolo di responsabilità civile e pubblica.