Articoli

“Un approccio originale rispetto a tutta la letteratura su Francesco”

“Un approccio originale rispetto a tutta la letteratura su Francesco”

Di Massimo Borghesi. Avvocato, giornalista e accademico uruguaiano, Guzmán Carriquiry Lecour è considerato una persona particolarmente vicina a papa Francesco. Dal 2014 è segretario incaricato della vicepresidenza della Pontificia commissione per l’America Latina.Proprio Carriquiry ha firmato l’introduzione all’ultimo volume di Massimo Borghesi, “JORGE MARIO BERGOGLIO. Una biografia intellettuale. Dialettica e mistica”, pubblicato per Jaca Book, uscito il 9 novembre nelle… Continua a leggere →

I media vaticani su “Jorge Mario Bergoglio. Una biografia intellettuale”

I media vaticani su “Jorge Mario Bergoglio. Una biografia intellettuale”

Di Massimo Borghesi. Notevole l’attenzione dei media vaticani per l’uscita dell’ultimo volume di Massimo Borghesi “Jorge Mario Bergoglio. Una biografia intellettuale. Dialettica e mistica”, editrice Jaca Book. Pubblichiamo una presentazione dello stesso Borghesi uscita lunedì 6 novembre sull’Osservatore Romano e un’intervista concessa nello stesso giorno dall’autore a Fabio Colagrande di Radio Vaticana. Ascolta l’intervista di Massimo Borghesi a Radio Vaticana…. Continua a leggere →

Alla scoperta del pensiero di papa Francesco

Alla scoperta del pensiero di papa Francesco

Di Massimo Borghesi. Quante volte sui social media, ma anche su testate giornalistiche, si accenna, si allude, o anche si afferma apertamente, che il papa venuto dalla fine del mondo ha magari sì portato una ventata d’aria fresca con le sue espressioni colorite e la sua carismatica irruenza, ma gli si nega di fatto un pensiero autonomo ed originale. Ora… Continua a leggere →

Junior Fritz e le Muse del wc

Junior Fritz e le Muse del wc

di Giovanni Scarpa. È una innegabile constatazione quella che vede l’ispirazione artistica subire le conseguenze e le stratificazioni storiche del processo evolutivo sociale: se l’uomo dell’antichità invocava infatti le muse rifugiandosi in luoghi boschivi e solitari, ora il contemporaneo potrà trovarle al cesso. Tutte e nove riunite in un solo luogo, per così dire, balneare: le tubature hanno sostituito i… Continua a leggere →

Catalogna, quando l’appartenenza diventa una mistica politica

Catalogna, quando l’appartenenza diventa una mistica politica

di Massimo Borghesi. «Nella Catalogna secolarizzata il nazionalismo riempie il vuoto lasciato dalla religione perduta». Giovedì 19 ottobre PáginasDigital.es, testata online spagnola, propone un’intervista di Juan Carlos Hernández e Fernando De Haro a Massimo Borghesi. La stessa intervista compare in italiano il giorno dopo sulla testata online IlSussidiario.net. Ecco come, secondo il filosofo dell’Università di Perugia, l’appartenenza tende a diventare… Continua a leggere →

“Milano 0” di William Congdon. Gesto, non anima effusa misticamente

“Milano 0” di William Congdon. Gesto, non anima effusa misticamente

di Mario Cancelli. “Milano 0” (1968) di William Congdon, grazie a un atto donativo della William Congdon Foundational al Museo del Novecento, è tornato là da dove idealmente era venuto, quella piazza Duomo sulla quale il museo affaccia le sue vetrate. Proprio il giudizio della commissione che ha accolto la donazione invita a un approccio critico che riconduca l’opera di… Continua a leggere →

Evocare l’universo dopo averlo rimosso. Mark Tobey alla Guggenheim

Evocare l’universo dopo averlo rimosso. Mark Tobey alla Guggenheim

di Mario Cancelli. A quel “nodo” irrisolto che fu l’Action painting americana, l’opera di Mark Tobey, in mostra al Guggenheim veneziano, la prima in Europa di tale portata, appartiene e si dimostra legata, tanto più si cerca di separarla. Delle “città bianche” di Tobey, dei tralicci dalla luce chiara, delle superfici sature di pigmenti e cesellate dall’attività di un certosino… Continua a leggere →

L’eredità come testamento e l’inizio di Zaccheo

L’eredità come testamento e l’inizio di Zaccheo

di Massimo Borghesi. IlSussidiario.net domenica 20 agosto pubblica un editoriale di Massimo Borghesi a commento del messaggio del Papa in occasione della XXXVIII edizione del Meeting per l’amicizia fra i popoli di Rimini. Il titolo del Meeting, spiega il filosofo, rifiuta la leggenda, sostenuta ad arte dai poteri del mondo, di un eterno presente e rilancia l’idea (non reazionaria) dell’eredità… Continua a leggere →

Il tempo in sant’Agostino, Borghesi in video a “L’angolo della poesia”

Il tempo in sant’Agostino, Borghesi in video a “L’angolo della poesia”

di Massimo Borghesi, Il tempo nel pensiero di sant’Agostino, comunicazione video di Massimo Borghesi per “L’angolo della poesia”, la rassegna di Pesaro promossa da Giuseppe Saponara, che si è tenuta dal 24 al 29 luglio quest’anno sul tema della creazione. Il video è stato trasmesso nelle serate dedicate a Neruda e a Pavese. È stata dedicata ai giorni della Creazione la settima edizione della rassegna… Continua a leggere →

La barba di Mosè, Akhenaton e il timore di un presagio

La barba di Mosè, Akhenaton e il timore di un presagio

di Mario Cancelli. «Leggere un giudizio su questa figura mi fa sempre piacere: così per esempio, secondo Herman Grimm, essa sarebbe “l’apice della scultura moderna”. Certo, da nessun’altra scultura sono rimasto più fortemente toccato. Quante volte ho salito la ripida scalinata che porta dall’infelice Via Cavour alla solitaria piazza dove sorge la chiesa abbandonata! e sempre ho cercato di tener… Continua a leggere →

Le radici filosofiche (e teologiche) dell’economia politica moderna

Le radici filosofiche (e teologiche) dell’economia politica moderna

di Massimo Borghesi. Dalla somma degli egoismi individuali proviene un bene per tutti? L’idea ottimista del progresso che sta alla base dell’economia politica moderna, esemplificata in Adam Smith (nell’immagine), è in realtà un’idea non sufficientemente problematizzata, che rivela ben precisi presupposti filosofici e addirittura teologici. È questo il pensiero di Massimo Borghesi, intervistato dagli studenti della “Summer School in Etica,… Continua a leggere →

Salvatore Oliva: la tigre bianca del fumetto

Salvatore Oliva: la tigre bianca del fumetto

Trovarsi inadeguati a parlare di una persona, quando parlare direttamente con la stessa non è mai stata una cosa difficile, credo sia uno dei sintomi più interessanti della scoperta di un maestro. Quando cioè, la relazione, l’esperienza, sta tranquilla come un vecchio con la pipa nel salotto dell’innominabile, nell’anonimia, allora s’intravede l’evento che è stato quell’incontro, il dipinto sopra il… Continua a leggere →