Pope_Francis_in_March_2013[1]Maurizio Crippa su Il Foglio, recensendo “Critica della teologia politica” di Massimo Borghesi firma un’articolata riflessione sul Ratzinger e Bergoglio che, al di là dei caratteri e degli stili pastorali, si ritrovano in un comune punto di riferimento: l’Agostino della grazia e della Città di Dio, delle due città “permixtae”. “Chi non è toccato dalla grazia – ha detto Bergoglio a Scalfari – può essere una persona senza macchia e senza paura come si dice, ma non sarà mai come una persona che la grazia ha toccato. Questa è l’intuizione di Agostino”.

 

Leggi l’articolo cliccando sul link: Il Foglio, martedì 15 ottobre, Bergoglio è ratzingeriano (M. Crippa)