Cronache di guerra e di speranza da Aleppo: Testimonianza di Padre Ibrahim Alsabagh

Cronache di guerra e di speranza da Aleppo: Testimonianza di Padre Ibrahim Alsabagh

Incontro Testimonianza dal titolo “Un istante prima dell’alba. Siria. Cronache di guerra e di speranza da Aleppo” con Padre Ibrahim Alsabagh, padre francescano di Aleppo (Siria), che si terrà Lunedì 25 Settembre 2017 alle ore 21.00 presso l’Auditorium della Fondazione S. Pio X per la nuova evangelizzazione – via C. De Cristoforis 8, Padova. Padre Ibrahim, frate francescano e parroco… Continua a leggere →

“Milano 0” di William Congdon. Gesto, non anima effusa misticamente

“Milano 0” di William Congdon. Gesto, non anima effusa misticamente

di Mario Cancelli. “Milano 0” (1968) di William Congdon, grazie a un atto donativo della William Congdon Foundational al Museo del Novecento, è tornato là da dove idealmente era venuto, quella piazza Duomo sulla quale il museo affaccia le sue vetrate. Proprio il giudizio della commissione che ha accolto la donazione invita a un approccio critico che riconduca l’opera di… Continua a leggere →

Speciale Soul meeting#17, su Tv2000 Massimo Borghesi ospite di Monica Mondo

Speciale Soul meeting#17, su Tv2000 Massimo Borghesi ospite di Monica Mondo

di Massimo Borghesi. Dal significato del fare filosofia oggi al titolo del Meeting di Rimini 2017 «Quello che tu erediti dai tuoi padri, riguadagnatelo, per possederlo». È un Borghesi a tutto campo quello che risponde nella trasmissione “Soul” di Tv2000 alle domande di Monica Mondo. Ecco il video della trasmissione, dal canale youtube di Tv2000.

Quel marpione di Renè, meglio noto come Rainer Maria

Quel marpione di Renè, meglio noto come Rainer Maria

di Giovanni Scarpa. «Non si riesce a immaginare Platone e Aristotele se non con gran vesti di pedanti. Erano invece delle persone comuni e ridevano, come gli altri, con i loro amici; e quando si sono divertiti a scrivere le Leggi e la Politica l’hanno fatto per divertirsi; questa era la parte meno filosofica e meno seria della loro vita,… Continua a leggere →

Il passaggio di Enea, riflessioni post Meeting di Rimini

Il passaggio di Enea, riflessioni post Meeting di Rimini

di Mario Cancelli. A Meeting concluso, una riflessione sul pensiero che le esposizioni artistiche promosse da Casa Testori hanno offerto e suscitato.   1 Una premessa rassegnata: anche qui troviamo le inevitabili cornici didattiche (in favore di una res publica semper edificanda atque educanda) tese a divinare o strologare quanto racchiuso nel sacrario dell’opera. Infatti, al Meeting 2017, Casa Testori… Continua a leggere →

Evocare l’universo dopo averlo rimosso. Mark Tobey alla Guggenheim

Evocare l’universo dopo averlo rimosso. Mark Tobey alla Guggenheim

di Mario Cancelli. A quel “nodo” irrisolto che fu l’Action painting americana, l’opera di Mark Tobey, in mostra al Guggenheim veneziano, la prima in Europa di tale portata, appartiene e si dimostra legata, tanto più si cerca di separarla. Delle “città bianche” di Tobey, dei tralicci dalla luce chiara, delle superfici sature di pigmenti e cesellate dall’attività di un certosino… Continua a leggere →

L’eredità come testamento e l’inizio di Zaccheo

L’eredità come testamento e l’inizio di Zaccheo

di Massimo Borghesi. IlSussidiario.net domenica 20 agosto pubblica un editoriale di Massimo Borghesi a commento del messaggio del Papa in occasione della XXXVIII edizione del Meeting per l’amicizia fra i popoli di Rimini. Il titolo del Meeting, spiega il filosofo, rifiuta la leggenda, sostenuta ad arte dai poteri del mondo, di un eterno presente e rilancia l’idea (non reazionaria) dell’eredità… Continua a leggere →

Il tempo in sant’Agostino, Borghesi in video a “L’angolo della poesia”

Il tempo in sant’Agostino, Borghesi in video a “L’angolo della poesia”

di Massimo Borghesi, Il tempo nel pensiero di sant’Agostino, comunicazione video di Massimo Borghesi per “L’angolo della poesia”, la rassegna di Pesaro promossa da Giuseppe Saponara, che si è tenuta dal 24 al 29 luglio quest’anno sul tema della creazione. Il video è stato trasmesso nelle serate dedicate a Neruda e a Pavese. È stata dedicata ai giorni della Creazione la settima edizione della rassegna… Continua a leggere →

La barba di Mosè, Akhenaton e il timore di un presagio

La barba di Mosè, Akhenaton e il timore di un presagio

di Mario Cancelli. «Leggere un giudizio su questa figura mi fa sempre piacere: così per esempio, secondo Herman Grimm, essa sarebbe “l’apice della scultura moderna”. Certo, da nessun’altra scultura sono rimasto più fortemente toccato. Quante volte ho salito la ripida scalinata che porta dall’infelice Via Cavour alla solitaria piazza dove sorge la chiesa abbandonata! e sempre ho cercato di tener… Continua a leggere →

Come rimuovere l’universo per poterlo evocare. Mark Tobey alla Guggenheim

Come rimuovere l’universo per poterlo evocare. Mark Tobey alla Guggenheim

di Mario Cancelli. L’opera di Mark Tobey, in mostra al Guggenheim veneziano, appartiene e si dimostra legata a quel nodo in parte irrisolto che fu l’action painting americana e tanto più vi appartiene quanto più si cerca di separarla. Fu Francesco Arcangeli a portare a conoscenza dell’Europa le “città bianche” di Tobey, i tralicci dalla luce chiara, le superfici sature… Continua a leggere →

Le radici filosofiche (e teologiche) dell’economia politica moderna

Le radici filosofiche (e teologiche) dell’economia politica moderna

di Massimo Borghesi. Dalla somma degli egoismi individuali proviene un bene per tutti? L’idea ottimista del progresso che sta alla base dell’economia politica moderna, esemplificata in Adam Smith (nell’immagine), è in realtà un’idea non sufficientemente problematizzata, che rivela ben precisi presupposti filosofici e addirittura teologici. È questo il pensiero di Massimo Borghesi, intervistato dagli studenti della “Summer School in Etica,… Continua a leggere →

Salvatore Oliva: la tigre bianca del fumetto

Salvatore Oliva: la tigre bianca del fumetto

Trovarsi inadeguati a parlare di una persona, quando parlare direttamente con la stessa non è mai stata una cosa difficile, credo sia uno dei sintomi più interessanti della scoperta di un maestro. Quando cioè, la relazione, l’esperienza, sta tranquilla come un vecchio con la pipa nel salotto dell’innominabile, nell’anonimia, allora s’intravede l’evento che è stato quell’incontro, il dipinto sopra il… Continua a leggere →